vodka come si fa

Come si sceglie la materia prima per la produzione di vodka?

Per produrre la vodka di qualità, è importante scegliere la materia prima migliore. Generalmente, ci sono tre tipologie di cereali che sono utilizzati per la produzione di vodka: il grano, il mais e il frumento. Ognuno di essi ha le proprie peculiarità che verranno poi trasferite alla vodka prodotta.
Il grano è il cereale più comune e viene scelto perché produce un sapore più delicato e una vodka leggera.
Il mais, invece, è scelto per la sua morbidezza e per il sapore dolce che conferisce alla vodka.
Infine, il frumento viene utilizzato per produrre una vodka di alta qualità, in quanto dona alla bevanda uno spiccato aroma floreale.

La fermentazione dei cereali e delle patate

Dopo aver scelto la materia prima, si passa alla fase di fermentazione, durante la quale il cereale o le patate vengono mescolati con acqua e lievito, e lasciati in un ambiente caldo per alcuni giorni. Durante questo processo, il lievito trasforma gli zuccheri presenti nei cereali o nelle patate in alcol etilico.

La distillazione

Dopo la fermentazione, si passa alla fase di distillazione. La miscela viene versata in alambicchi di rame, e sottoposta a diversi processi di distillazione. In ogni fase, l’alcol viene riscaldato e vapori alcolici vengono separati dalle impurità, per produrre una vodka pura e trasparente.

Il filtraggio e la maturazione

Dopo la distillazione, la vodka viene filtrata per eliminare eventuali impurità e particelle in sospensione. In questa fase, la vodka può anche essere miscelata con acqua per ridurne la gradazione alcolica e correggere eventuali imperfezioni.

La vodka può essere imbottigliata e commercializzata subito dopo la distillazione, ma ci sono anche marchi che scelgono di far maturare la vodka prima di commercializzarla. La maturazione avviene in barili di legno, che conferiscono alla vodka un sapore particolare e un colore ambrato.

La vodka aromatizzata

Oltre alla versione classica, la vodka può essere aromatizzata con diversi ingredienti, come frutta, spezie o erbe aromatiche. In questo caso, gli ingredienti vengono miscelati con la vodka e lasciati in infusione per alcuni giorni, fino a quando la vodka non ha assorbito il sapore degli aromi scelti.

In conclusione, la produzione di vodka è un processo artigianale che richiede attenzione e cura per la scelta delle materie prime e la cura dei processi di fermentazione e distillazione. Solo in questo modo si può ottenere una bevanda pura, trasparente e dal sapore unico.

Se vuoi saperne di più su come la vodka viene utilizzata nei cocktail, prova la nostra ricetta per il cocktail a base di vodka. Con ingredienti come il succo d’arancia e la menta, questo cocktail è una scelta rinfrescante per una serata con gli amici.

La Vodka Russa

La vodka russa è conosciuta in tutto il mondo per la sua alta qualità. È prodotta con il miglior grano e l’acqua più pura. La ricetta di questa bevanda ha una lunga storia, che risale a secoli fa. La prima menzione di una bevanda alcolica simile alla vodka risale addirittura al XIV secolo. Ma solo nel XVII secolo, la vodka divenne popolare in tutta la Russia. Oggi, la vodka russa è un’icona culturale e un simbolo della nazione.

L’ingrediente principale per la produzione della vodka russa è il grano. Il grano impiegato deve essere di qualità superiore, per garantire che la vodka sia il più pura possibile. La migliore varietà di grano per produrre la vodka russa è quella del tipo “inverno”. Questo tipo di grano cresce lentamente durante il freddo inverno russo, conferendo alla vodka un aroma e un sapore unici.

L’acqua utilizzata per la produzione della vodka russa deve essere pura e di alta qualità. L’acqua in Russia è notoriamente di alta qualità, specialmente quella che viene prelevata dalle montagne. Questa acqua viene filtrata rigorosamente per rimuovere tutti i contaminanti, rendendola ideale per la produzione di vodka.

La preparazione della vodka russa richiede molta attenzione e cura. Il processo inizia con la macinazione del grano, che viene poi miscelato con acqua calda. Questo composto viene lasciato fermentare per alcuni giorni. Successivamente, viene aggiunta una quantità specifica di lievito, che converte gli zuccheri del grano in alcol. Dopo la fermentazione, la miscela viene distillata per 2 o 3 volte per aumentare la percentuale di alcol nella vodka. Infine, la vodka viene filtrata per rimuovere ogni residuo e renderla il più pura possibile.

La vodka russa ha una gradazione alcolica del 40% e viene solitamente servita a temperature molto basse, tra i -15 ° C e i -20 ° C. Viene spesso servita liscia, senza aggiungere nulla, ma può anche essere miscelata in bevande come il Bloody Mary o il Martini. La vodka russa è nota per essere una bevanda neutra, in quanto ha un sapore delicato che non prevarica gli altri sapori nei cocktail.

La vodka russa è apprezzata in tutto il mondo per la sua alta qualità e la sua purezza. Ciò è dovuto al processo di produzione meticoloso e alla selezione dei migliori ingredienti. Se stai cercando una bevanda alcolica adatta per tutte le occasioni, la vodka russa è sicuramente la scelta giusta.

Esiste un metodo tradizionale per preparare la vodka, che prevede la destillazione di cereali come il grano o il segale. Per saperne di più sulla preparazione di questo distillato, dai un’occhiata al nostro articolo sul metodo tradizionale di produzione della vodka.

La Vodka come Cocktail

La vodka è diventata popolare come base per molti cocktail grazie alla sua capacità di scomparire completamente nei drink. Questo significa che la vodka non aggiunge alcun aroma al cocktail e può quindi essere utilizzata come base per una grande varietà di bevande.

Uno dei cocktail più conosciuti che utilizzano la vodka come ingrediente principale è il Bloody Mary. Questo drink è composto da vodka, succo di pomodoro, sale, pepe, tabasco, worcestershire sauce, succo di limone e sedano. La vodka nel Bloody Mary aiuta a bilanciare gli altri sapori e crea un drink spesso servito come aperitivo o per la colazione.

Il Cosmopolitan è un altro cocktail famoso che utilizza la vodka. Questo drink è composto da vodka, triple sec, succo di lime fresco e succo di mirtillo rosso. La vodka nel Cosmopolitan viene solitamente utilizzata per ridurre l’asprezza del succo di lime e per bilanciare l’aroma del mirtillo rosso.

La vodka può anche essere utilizzata per creare cocktail fruttati come il Mango Vodka Collins, composto da vodka, succo di mango fresco, sciroppo semplice e acqua frizzante. La vodka in questo caso aiuta a creare un drink rinfrescante e fruttato.

In ogni caso, quando si utilizza la vodka per il cocktail, è importante scegliere una vodka di qualità. Una vodka di buona qualità aiuta a garantire che il cocktail abbia un sapore bilanciato e che i sapori si amalgamino correttamente. Inoltre, una vodka di qualità riduce anche il rischio di mal di testa la mattina dopo.

Vuoi provare a fare la tua vodka fatta in casa? Dai un’occhiata alla nostra guida su come fare la vodka fatta in casa. Qui troverai tutti i consigli necessari per la preparazione di questo distillato, così potrai realizzare la tua vodka personalizzata.